stefano stranges e silvia bernardi

SG Holding sostiene il reportage fotografico sociale con il primo progetto in ambito CSR

29-11-2017

L’appuntamento unico ed esclusivo per i clienti della capogruppo di SINERGIE, Special e Focus ON, si è trasformato in un’occasione per riflettere sul nostro presente grazie al sostegno alla mostra fotografica di Stefano Stranges «Le vittime della nostra ricchezza».

 

Il 28 novembre Stefano Stranges ha esposto la sua mostra The victims of our wealth (Le vittime della nostra ricchezza) anche a Milano, dopo Torino, Trento ed altre importanti città italiane. Il fotografo  ha coinvolto presso il Teatro Gerolamo, riaperto recentemente dopo 30 anni di chiusura e grandi lavori di restauro, gli oltre 100 prestigiosi invitati di SG Holding, attraverso più di 70 foto che testimoniano il ciclo di vita dei materiali tecnologici che portiamo quotidianamente nelle nostre tasche.

 

Abbiamo deciso di coinvolgere Stefano Stranges, che stimo e conosco personalmente da anni, perché riteniamo che sia giunto per noi il momento di contribuire attivamente alla riflessione su tematiche importanti, a volte scomode, che tuttavia devono essere affrontate. Il positivo percorso che abbiamo svolto in questi anni ci ha insegnato che anche le sfide più ardue con il giusto team, la precisione maniacale e la chiarezza degli obiettivi possono essere vinte. Le problematiche ambientali e sociali sono sicuramente troppo ampie per sperare di poterle risolvere, ma coinvolgendo i nostri clienti siamo certi di poter contribuire a fornire un impulso determinante. Il settore della comunicazione ha in questo un ruolo importante e noi vogliamo svolgerlo fino in fondo” ha commentato Davide Verdesca, President & Founder di SG Holding.

 

Una mostra fotografica vive solo se vista. Il fatto che una realtà importante come SG Holding, leader nella Live Communication, abbia scelto e sostenuto concretamente le tematiche sociali, che con estremi sacrifici porto avanti da anni, rafforza il mio impegno. Condividere con centinaia di responsabili della comunicazione milanese, e non solo, la denuncia sociale che testimonio è un impegno che ricorda il mecenatismo rinascimentale che ha reso l’Italia la culla dell’arte” ha dichiarato Stefano Stranges, fotografo e autore della mostra.

Torna a News